Per il tempo libero 2017-05-04T11:33:06+00:00

Cultura del costruire a servizio del tempo libero

Relegati un tempo nei luoghi deputati della città, dalle pagine di settore lo sport e il tempo libero hanno conquistato oggi le copertine, pervadendo spazi urbani destinati finora a usi diversi.
Dal capannone industriale, riconvertito in cinema, al palazzetto dello sport, in grado di riverberare la musica rock e l’entusiasmo di migliaia di fans, ai diversi tipi di edificio che ospitano manifestazioni eterogenee è richiesta oggi una versatilità totale.
La stessa richiesta a chi li progetta e costruisce.
Molte sono le possibilità offerte dalla tecnologia, ma anche dalla competenza acquisita da ingegneri, architetti, impiantisti e da una manodopera sempre più specializzata. Un vero salto di qualità.
È una grande occasione per l’intrattenimento ma anche per lo sport.
Costruire i luoghi diventa possibile solo grazie al controllo di ogni fase di realizzazione e alla costante capacità di dialogo fra architetti e tecnici.
Una nuova centralità è assegnata a questi spazi nel sistema urbano: un cinema, oggi, non si riempie soltanto con la sua programmazione, ma anche con la presentazione di un libro, il convegno o la convention.
Il tramonto dello spazio monofunzionale si può intuire la domenica pomeriggio, quando lo stesso centro sportivo può accogliere indistintamente una competizione di hockey su ghiaccio, di pallamano o di atletica leggera.
Il rispetto della normativa di sicurezza in sala o dei criteri di ergonomia audiovisiva in poltrona sono ormai parte della visione di un film al cinema.
La bellezza di una voce, di un suono, di un’immagine si esalta se i luoghi sanno accoglierla nel migliore dei modi.